SansepolcroNotizie

Ospedale Sansepolcro. Pd: "Ridotto a poco più di un ambulatorio"

"Quello che a noi serve è il ruolo futuro, nella cura delle persone, che deve avere il nostro ospedale e la certezza che per questo ruolo ci siano risorse finanziarie e professionali adeguate"

"I problemi sono molti e si vanno sempre più aggravando".

A prendere la parola sono gli esponenti del Partito Democratico della Valtiberina che puntano ancora una volta il dito contro le scelte dell'amministrazione Cornioli, primo cittadino di Sansepolcro.

"Quello che avviene è causato dalla mancanza di idee, in campo sociale e sanitario, del nostro sindaco e della sua maggioranza. Nessuno dei problemi strategici, che sono di fronte a noi, è stato affrontato. Le politiche sociali sollecitate in varie occasioni da più soggetti, organizzazioni sindacali, associazioni, cittadini sono lasciate ad una gestione sempre più burocratica che si occupa soltanto del quotidiano, con l’unico obbiettivo di risparmiare come se non si trattasse di problemi riguardanti le persone. In questo momento invece sarebbe fondamentale investire in una azione politica, che disegni strategie e azioni capaci di affrontare l’emergere dei continui e nuovi problemi. Un esempio vale per tutti: la questione degli ultraottantenni soli e avviati alla non autosufficienza.

Il nostro ospedale si sta sempre più riducendo ad un poliambulatorio con tutte le conseguenze del caso per i nostri cittadini. Un esempio: dopo gli ingenti interventi l’HDU (High Dependency Unit) non è ancora funzionante e chissà quando lo sarà. Dobbiamo porre massima attenzione a che non venga ulteriormente depotenziato il settore chirurgia e vengano mantenute almeno le prestazioni fin qui erogate. Manca un’idea delle priorità da soddisfare, manca anche una presenza politica che punti a un disegno di efficienza dell’intera struttura e una sua chiara collocazione nella rete ospedaliera.

La Valtiberina non può accontentarsi di piccole migliorie di natura alberghiera per il nostro ospedale, bisogna puntare sulla sicurezza strutturale dell’intero plesso reperendo le risorse necessarie per adeguare l’intero stabile.

Dalle notizie che via via emergono appare sempre più chiaro che anche l’ospedale di Arezzo ha imboccato un percorso di depotenziamento nei confronti di Siena e anche di fronte alla carenza di medici viene privilegiato il polo di Siena, con grave danno per Arezzo e dispendio di risorse. Quello che a noi serve è il ruolo futuro, nella cura delle persone, che deve avere il nostro ospedale e la certezza che per questo ruolo ci siano risorse finanziarie e professionali adeguate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto frontale: muore giovane aretina. Grave un 46enne

  • Tragedia di Ristradelle, Helenia e il suo grande amore per gli animali. Lavorava per Enpa: "Lascia un vuoto enorme, la sua dolcezza era unica"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Stelle Michelin Toscana 2020: Arezzo presente con un ristorante storico. E con un giovane chef

  • Allarme bomba: evacuate le Poste centrali. Ma nel pacco c'è del pane

  • Cinghiale distrugge 20mila euro di cocaina nascosta sotto terra

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento