SansepolcroNotizie

Torre di Berta in cartone, Marconcini: "Soldi destinati dal Mibact al progetto, installazione in piazza per 60 giorni"

L'assessore cerca di fare chiarezza sull'iniziativa che nelle ultime settimane è al centro del dibattito

"Leggendo alcune considerazioni critiche sul progetto di ricostruzione temporanea della Torre di Berta, credo sia doveroso fare qualche importante puntualizzazione". Così l'assessore Marconcini interviene sul dibattito, cercando di fare chiarezza su quanto avverrà, a partire dai costi sostenuti dall'amministrazione. 

 Eviterò di soffermarmi sul valore e sul significato di questa opera (su questo ho già avuto modo di esprimermi), per focalizzarmi su quegli aspetti che in questi giorni sono stati maggiormente dibattuti.

La ricostruzione della Torre in cartone non costerà nulla a Comune di Sansepolcro. Il progetto sarà finanziato dal Mibact che nei mesi scorsi ha pubblicato un bando denominato “Creative Living Lab” che era specificamente incentrato su questo tipo di opere. Nell’ambito di tale bando la proposta presentata da CasermArcheoloigica in collaborazione con l’Anpi di Sansepolcro e il Museo della Resistenza è stata scelta tra i 208 progetti pervenuti e inserita tra i 24 vincitori che si sono aggiudicati un contributo ministeriale.

Essendo state stanziate appositamente per questa tipologia di progetti, tali risorse non possono essere impiegate per altri interventi.

Abbiamo sin da subito appoggiato questo progetto, ma se come Comune di Sansepolcro avessimo – per assurdo – voluto impedire ai soggetti promotori di realizzare quest’opera nella nostra città, l’importo stanziato per la stessa sarebbe stato impiegato altrove.

La durata dell’intervento non è limitata a un solo giorno, ma coprirà un arco temporale di almeno 60 giorni. Dopo la conferenza stampa del 5 febbraio 2020 (a cui erano presenti studenti e cittadini) è stato avviato un percorso di coinvolgimento dei cittadini che si articolerà in numerosi workshop e appuntamenti dedicati alla Torre e al suo abbattimento. Oltre a ciò, il grosso del lavoro si svolgerà dal 19 al 25 aprile, quando le tante persone coinvolte parteciperanno attivamente alla ricostruzione di un bene culturale che ancora oggi si identifica con la nostra comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questi anni l’Amministrazione Comunale si è sempre impegnata ad investire in tutti quei progetti stabili e permanenti che oltre a produrre un rinnovato valore artistico e culturale possono contribuire ad implementare la vocazione turistica del nostro territorio: ciò avviene costantemente attraverso una quotidiana opera di supporto che il Comune garantisce a tutti nostri spazi museali cittadini, a partire dal Museo Civico per arrivare fino a CasermArcheologica. Proprio per ciò che riguarda l’arte contemporanea, questo ultimo progetto ha permesso di recuperare Palazzo Muglioni e di creare uno spazio permanente dedicato ai linguaggi sperimentali che oggi è riconosciuto dalla Regione Toscana, dalla Biennale di Venezia, dal Maxxi di Roma e dal Pecci di Prato come un importante polo di promozione dell'arte contemporanea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Animali 3D in casa grazie a Google. Come fare e l'elenco completo

  • Scanzi supera il milione di fan. Più 250mila in 7 giorni, nessuno come lui in Italia

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

  • Mascherine obbligatorie fuori dall'abitazione. L'annuncio di Rossi: "Ne distribuiremo subito 10 milioni"

  • Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

  • Emergenza Covid-19: un valido aiuto viene dai Commercialisti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento