SansepolcroNotizie

Farmaci e spesa agli anziani: oltre 70 consegne per la Croce Rossa di Sansepolcro

Alle persone anziane, immunodepresse e tutti coloro che non possono neanche uscire di casa per fare la spesa, serve che qualcuno possa muoversi per loro. Per questo ci sono i volontari della Croce Rossa Italiana. Per questo c’è Un’Italia che Aiuta

Alle persone anziane, immunodepresse e tutti coloro che non possono neanche uscire di casa per fare la spesa, serve che qualcuno possa muoversi per loro. Per questo ci sono i volontari della Croce Rossa Italiana. Per questo c’è Un’Italia che Aiuta. Attacca così una nota della Cri di Sansepolcro.

Innumerevoli sono le richieste di aiuto pervenute al numero dedicato 0575733650, attivo presso la Sala Operativa Locale dal lunedì al sabato dalle 08:30 alle 18:30.

Questo è il resoconto dei servizi dedicati all’emergenza Covid-19 nell’ultima settimana:

18 Volontari/Dipendenti impiegati quotidianamente;

quattro ambulanze, due mezzi attrezzati e un’autovettura impiegati;

1500 chilometri percorsi;

80 ore di servizio;

74 consegne di spesa a domicilio e farmaci;

16 pacchi alimentari distribuiti alle famiglie indigenti nel programma FEAD;

1500 mascherine in TNT distribuite on the way per conto dell’Amministrazione Comunale dinanzi alla nostra sede e nelle frazioni di Santa Fiora e del Trebbio.

La Croce Rossa Italiana di Sansepolcro, che continua a portare avanti i turni di emergenza urgenza e i trasporti sanitari, ha inoltre dedicato una delle proprie ambulanze alla mobilizzazione di pazienti sospetti per Covid-19, stringendo così il rapporto di collaborazione già in essere con l’ASL Toscana Sud Est.

Se si verifica la necessità di spostamento e trasporto di un paziente ricoverato per Covid-19 (sospetto o conclamato) tra un ospedale e l’altro ovvero della sua mobilizzazione fra l’apposito triage e il reparto dell’ospedale stesso o verso il proprio domicilio qualora non si renda necessaria la sua ospedalizzazione, viene impiegato questo mezzo che è in pratica un’ambulanza di soccorso ma destinata esclusivamente a questo tipo di servizio, con proprio autista e soccorritore, riforniti ed equipaggiati con i previsti DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).

Questo servizio, iniziato giovedì 19 marzo, implementa il repertorio degli strumenti di prevenzione del contagio e potenziamento del contrasto alla sua diffusione.

I volontari della Croce Rossa Italiana biturgense, nell’ultima settimana, hanno effettuato dodici trasporti di persone positive al Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le donazioni

Dopo quella del Trebbio, anche la ProLoco del Melello ha disposto una generosa donazione in denaro in favore della nostra Associazione – dichiara il Presidente Biagio La Monica. Ribadiamo la nostra riconoscenza alle due Associazioni e ai privati cittadini che, in queste ore, stanno facendo a gara per sostenerci. La Croce Rossa Italiana di Sansepolcro, infatti, ha attivato una campagna per la raccolta fondi da destinare all’acquisto di dispositivi di protezione individuale per tutto il personale dipendente e i volontari impegnati nell’emergenza Covid-19. Le donazioni possono essere effettuate con bonifico bancario a: Croce Rossa Italiana Comitato di Sansepolcro ODV - Via Ginna Marcelli, 3 - 52037 Sansepolcro (AR) - IBAN: IT44J0623071610000030091333 - BIC/SWIFT: CRPPIT2P737 - BANCA: Crédit Agricole Cariparma - Filiale di Sansepolcro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento